Energia blog

Ritorna alla lista dei posts...

Mungi Sole: risultati

Scritto da TC Postato il 12/10/2014 comune valstagna, malga pozzette, impianto fotovoltaico, stand alone, malghe, greenvolts Non ci sono commenti




Il 16 settembre 2013, avevo scritto un post sul progetto mungi sole progettato da noi di Greenvolts che prevedeva l’installazione di cinque grossi impianti fotovoltaici (stand alone) a servizio di cinque malghe di proprietà del Comune di Valstagna, con l’obbiettivo di renderle autonome energeticamente.

A distanza di un anno dall’innaugurazione ho voluto sentire il malghese di Malga Pozzette, una delle malghe coinvolte dal progetto, ed il vicesindaco di Valstagna, per capire come sono stati gestiti gli impianti e soprattutto quali sono stati i risultati.

Malga Pozzette è una malga caratterizzata da una monticazione di tipo evoluto, infatti oltre alla mungitura di oltre 55 capi, viene fatta la trasformazione del latte (formaggio asiago e burro), direttamente in malga. Per la progettazione dell’impianto abbiamo dovuto fare un’attenta analisi dei carichi elettrici, in maniera da bilanciarlo sui consumi reali e non sovradimensionare o sotto dimensionare l’impianto. E’ stato quindi progettato e realizzato un impianto da 12,5 kW di potenza con un pacco batterie che riesce a garantire un’autonomia di 1 giorno senza insolazione. A distanza di un anno, il malghese ci ha confidato che in una stagione normale avrebbe speso 27.000€ circa di gasolio per alimentare il gruppo elettrogeno, dopo l’installazione dell’impianto ne hanno spesi solo 7.000€.

Il vicensidaco di Valstagna è molto contento dell’operazione perché crede nella possibilità di creare nuove opportunità, anche per i giovani, nel territorio montano, con l’obbiettivo di arginare l’abbandono delle malghe e dei boschi. E’ per questo che il Comune, grazie anche a dei fondi europei, ha voluto investire sull’infrastrutturazione delle malghe di sua proprietà. Gli abbiamo chiesto come sono gestiti gli impianti, ricordiamo che sono cinque con un potenza complessiva di 50 kW, soprattutto nel periodo invernale. Ci ha risposto che alla fine della stagione di monticazione degli addetti del Comune staccano le batterie e le portano a valle in un deposito comunale, dove si premurano di tenerle sempre sotto carica ed al caldo, quest’operazione permette di allungare la loro vita utile. Poi all’inizio della stagione, prima che salgano le mucche, riportano in malga le batterie e rimettono in funzione gli impianti.

Due considerazioni, la prima che è necessario sempre un monitoraggio degli interventi di efficientamento energetico o di produzione di energia da fonti rinnovabili, in maniera da poter proporre i benefici reali degli interventi progettati e poi realizzati. La seconda, più di carattere filosofico, che a volte ci vediamo più brutti di quanto lo siamo veramente, ci sono amministrazioni e tecnici comunali che credono nel loro territorio e pensano che la cosa comune debba essere gestita in maniera anche migliore della cosa privata.